Coop. Altri Orizzonti | La Cooperativa
15479
page,page-id-15479,page-template-default,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-6.3,wpb-js-composer js-comp-ver-4.3.5,vc_responsive
 

Nel 2010 all’associazione Jerry Essan Masslo viene assegnato, in comodato d’uso decennale, un bene confiscato alla camorrista Pupetta Maresca. Da qui la decisione di avviare  la cooperativa sociale “Altri Orizzonti by p.a. Jerry Essan Masslo” per realizzare, all’interno del bene confiscato ribattezzato “Casa di Alice”, una sartoria sociale.

Anna Cecere, Laadjel Djouabi, Maria Cirillo, Atta Bose e Kawi Patt
L'associazione Jerry Essan Masslo svolge da diversi anni sul litorale Domitio una serie di attività di integrazione culturale e assistenza socio-sanitaria, con specifico riferimento alla popolazione immigrata, tra cui: ambulatori medici, unità di strada, riduzione del danno, minori e presa in carico di famiglie in difficoltà, scuola, tutoraggio, osservatorio del disagio sociale.

La cooperativa sociale “Altri Orizzonti” nasce, quindi, da un gruppo di giovani volontari dell’associazione “Jerry Essan Masslo” con l’obiettivo di dare una risposta concreta e valida ai bisogni di un territorio difficile come quello di Castel Volturno.

Siamo una realtà imprenditoriale eterogenea e multietnica che crea lavoro, integrando le presenti culture presenti nel territorio di Castel Volturno, promuovendo la cultura della legalità e della solidarietà.

La sartoria sociale, in particolare, rappresenta uno strumento per dare lavoro, dignità e autonomia a donne vittime di sfruttamento, un laboratorio creativo, un luogo in cui l’eterogeneità diviene punto di forza, l’immigrazione diviene una risorsa!

La cooperativa aderisce al Comitato don Peppe Diana e, insieme ad altre cooperative sociali e al consorzio N.C.O. Nuova Cooperazione Organizzata, promuove e produce l’iniziativa natalizia “Facciamo un pacco alla Camorra”.

Inoltre, dal 2014, la cooperativa ha aderito al contratto di rete per lo sviluppo locale “R.E.S. Rete di Economia Sociale – Le Terre di don Peppe Diana” che ha tra i principali obiettivi l’infrastrutturazione di filiere di economia sociale a partire dai beni confiscati alle mafie e la promozione delle libertà positive delle persone.